Obiettivo principale è soddisfare l’effettivo bisogno del Cliente, adottando le soluzioni tecniche più adeguate al caso e a costi coerenti.

A tal fine, il Gruppo BBV continua a investire grandi risorse per lo sviluppo delle migliori soluzioni tecnologiche, partendo da progettazioni mirate, tecniche di fabbricazione innovative e scelta attenta delle geometrie e dei materiali più idonei al caso concreto.
La progettazione è supportata da specifici applicativi personalizzati CAD, Solid Work e ANSIS.
L’intero processo produttivo è gestito con IRP SAP.

Tutte le Aziende sono certificate ISO 9001.

I compensatori tessili e in gomma nascono da uno studio dei materiali tecnici più avanzati e da una profonda conoscenza dei processi di lavorazione accumulata in oltre 40 anni di presenza sui mercati e supportata da impianti tecnologicamente avanzati, in taluni ambiti automatizzati e computerizzati.

I compensatori metallici possono essere progettati e realizzati in ossequio alle norme EJMA (Expansion Joints Manufacturing Association), ma anche secondo le norme ASME VIII Div. App.26 o in accordo ai più recenti Standard Europei Armonizzati come EN 14917 ed EN 13445, oltre che ASME B 31.3 App.X e AD 2000 Merkblatt B13, ecc..
Tutti i prodotti utilizzati con pressione maggiore di 0.5 Bar rispondono ai requisiti di sicurezza della Direttiva Europea 2014/68/UE (ex PED 97/23/CE) e sono certificati CE.
I tecnici del Gruppo BBV fanno parte del Gruppo di Lavoro Europeo del CEN di Normazione.

Il Gruppo BBV affianca a una vasta gamma di prodotti standard, in continuo aggiornamento tecnologico, un programma di produzione specificamente basato sulle peculiari esigenze della clientela.

Il programma di produzione e vendita comprende:

COMPENSATORI DI DILATAZIONE METALLICI

con estremità a saldare, flangiate o a specifica, dal DN 15 al DN 4200;
con pressione massima di esercizio fino a 100 Bar (PN 100);
realizzati con le tipologie di acciaio Inox (quali AISI 321, AISI 316L, AISI 310S, ecc.) o con leghe speciali, in funzione dell’impiego cui sono destinati, come MONEL, HASTELLOY, INCONEL, ecc.

GIUNTI DI SMONTAGGIO A SOFFIETTO METALLICO

dal DN 15 al DN 4200

COMPENSATORI DI DILATAZIONE TESSILI

in elastomero, fluoroelastomero, tessuto impregnato e laminato in PTFE; vengono usate fibre vetrose, silicee, aramidiche e ceramiche, diversamente impregnate e/o laminate a seconda dell’uso al quale i compensatori sono destinati.
L’impiego di particolari carpenterie metalliche, materassini interni (bolster bag) e peculiari ulteriori caratteristiche tecniche consentono di produrre compensatori utilizzabili in impianti con fluidi di processo a temperature oltre i 1200°C, anziché compensatori con alto grado di tenuta nella zona di flangiatura.
Le dimensioni costruttive possono essere varie e, in alcuni casi, ragguardevoli; di seguito si dà evidenza di un giunto di dimensioni 4 mt x 5 mt.

I compensatori tessili, normalmente utilizzati su impianti con fluidi gassosi, basse pressioni ed elevate temperature, permettono ampi movimenti assiali e laterali, con lunghezze di installazione minime. Possono essere realizzati:

  • con flange verticali o orizzontali,
  • completi di materassini interni isolanti,
  • provvisti di carpenterie di sostegno e fissaggio alla tubazione.

 

COMPENSATORI DI DILATAZIONE IN GOMMA

in varie tipologie di mescole, dal DN 25 al DN 3600.
Sono costituiti da un soffietto in gomma a una o più onde, che permette di compensare i movimenti assiali, laterali e angolari generati da dilatazioni termiche o cedimenti strutturali.

Generalmente sono caratterizzati da lunghezze contenute.

Questa tipologia di compensatori è usata in processi a temperatura medio-bassa. Possono anche essere utilizzati per smorzare vibrazioni generate dai macchinari.
L’effetto della spinta di fondo, generata dalla pressione del fluido di processo, può essere annullato dotando il giunto di tiranti e/o articolazioni che, di contro, ne limitano la versatilità.

TUBI FLESSIBILI METALLICI

Sono costituiti da un tubo flessibile corrugato che può essere fornito con treccia allo scopo di aumentarne la resistenza alla pressione.
Sono normalmente utilizzati su tubazioni di piccolo diametro, per assorbire spostamenti laterali (se installati linearmente) o assiali (se installati ad “omega”).
In funzione della lunghezza e del tipo di installazione si possono compensare movimenti più o meno importanti.

SUPPORTI DI SCORRIMENTO A RULLO CILINDRICO (con SELLA o BICONICI)

Questi supporti sono costituiti da uno o più rulli accoppiati con relativa carpenteria di sostegno e fissaggio alle strutture dell’impianto.
Permettono di sostenere il peso delle tubazioni, guidandole e consentendo loro il movimento generato dalla dilatazione termica. Possono essere di tipo cilindrico con sella, per il sostegno e l’appoggio del tubo e la coibentazione; oppure possono essere di tipo biconico per l’appoggio e il contenimento diretto del tubo.
Alcuni modelli sono stati studiati per consentire anche lo spostamento laterale del tubo stesso.
Rispetto ad altri tipi di supporti di scorrimento, hanno il vantaggio di avere un basso coefficiente di attrito, che limita sensibilmente le spinte sugli ancoraggi.

SUPPORTI ELASTICI A MOLLA A CARICO VARIABILE o COSTANTE

Questi supporti sono costituiti da una molla appositamente progettata e tarata e dalla relativa struttura di contenimento.
Possono essere forniti con catenarie e collari.
Permettono di sostenere il peso delle tubazioni cui sono collegati, consentendo, contemporaneamente, spostamenti e/o movimenti delle stesse conseguenti a dilatazioni termiche.
Generalmente sono realizzati in “appoggio”, quando sono alloggiati sotto la tubazione da sostenere; oppure sono appesi, quando il peso viene sostenuto dall’alto.